Extra

FMeA si presenta in Argentina

FMeA si presenta in Argentina

9 ottobre 2017

FMeA si presenta in Argentina

L'AIPnD (Associazione Italiana Prove non Distruttive Monitoraggio Diagnostica), a cui FOPPOLI MORETTA e ASSOCIATI srl aderisce già dal 2010, è un’organizzazione a carattere scientifico, culturale e professionale senza fini di lucro, tra le primissime nel mondo nel suo settore, che annovera soci in tutta Italia appartenenti a circa 1000 Enti, Università e Società. Opera dal 1979 dedicandosi principalmente allo sviluppo della conoscenza scientifica e tecnica e dello sviluppo tecnologico delle Prove non Distruttive attraverso l'informazione, l'educazione e la valorizzazione delle attivita professionali di chi opera nel settore.

Nel particolare ambito dei beni culturali e dell'ambiente, ormai da 25 anni l'Associazione promuove l'organizzazione, con cadenza pressoché biennale, della “International Conference on non-destructive investigations and microanalysis for the diagnostics and conservation of cultural and environmental heritage (Art)” la cui ultima edizione (Art'14) si è tenuta a Madrid. La prossima edizione (Art'17) avrà luogo il prossimo novembre a Torino. Nell'ambito dei contatti internazionali finalizzati all'organizazzione della conferenza l'AIPnD è stata invitata dalla sua omologa argentina AAENDE (Asociacion Argentina de Ensayos No Destructivos y Estructurales) a partecipare alla “Jornada de END en Patrimonio Cultural” che si è tenuta presso il Museo Nacional de bellas Artes de la Ciudad de Neuquen, Argentina il 6 ottobre.

Allo scopo di presentare le migliori pratiche nel settore delle Prove non Distruttive in Italia, specificatamente con riguardo al problema della vulnerabilità sismica del patrimonio storico, l'AIPnD ha chiesto a Dario Foppoli di scrivere una relazione riguardante case history tratti dall'attività di FMeA su rilevanti monumenti italiani, noti anche a livello internazionale. E' stata l'occasione per ricordare le analisi svolte da FMeA a Venezia (La Fenice), a Roma (Palazzo Montecitorio) a Firenze (Campanile di Giotto) ed in occasione dei più recenti terremoti di L'Aquila e dell'Emilia. Ed è stata anche l'occasione per fare il punto sul tema della diagnostica finalizzata alla prevenzione sismica che, se da un lato risulta tanto attuale nel nostro paese, dall'altro vede l'Italia sicuramente collocata tra le punte avanzate della ricerca a livello mondiale,

La relazione, tradotta in spagnolo, è stata presentata durante la “Jornada” a cura del vice-presidente dell' AIPnD Daniele Bisi con il titolo “El conocimiento del comportamiento sísmico del patrimonio monumental Italiano a través Ensayos No Destructivos”, ed è stata pubblicata negli atti del convegno. La versione italiana sarà inoltre pubblicata sul prossimo numero de "Il Giornale delle Prove non Distruttive".

designed by IceLab